Com’è bamba il Bomba!

Armi in Arabia: “Bombe sui civili. E l’Italia sapeva”.
(il Fatto Quotidiano, 5 marzo 2021)
Bancarotta delle cooperative, i genitori di Renzi a processo.
(il Fatto Quotidiano, 11 marzo 2021)
Firenze, riciclaggio dei soldi per l’Africa. A processo Conticini, il cognato di Renzi.
(il Fatto Quotidiano, 19 marzo 2021)
Riecco Renzi “globe-trotter”. Parte la campagna d’Africa. Stavolta va in Kenya e Senegal.
(il Fatto Quotidiano, 18 marzo 2021)
Casellati dice no alle interrogazioni su Bin Salman.
(ibidem)

Com’è bamba il Bomba!

Povero Renzi, come sei ridotto!
I tuoi successi? Sono Scalfarotto,
la Bonetti e Teresa Bossa nova…
Il solo rottamar cosa ti giova?

Rottami Conte e fai venire Draghi?
Sei soddisfatto assai ma poi la paghi:
l’avvocato del popolo ritorna
e i nuovi Cinque Stelle astuto sforna,

gli avversari che proprio non sopporti.
I piddin? Li vorresti tutti morti,
il primo è Zingaretti e in un baleno
ti ritrovi l’Enrico, stai sereno

che hai pugnalato sette anni fa.
Italia viva, almen, trionferà…
Nemmen per sogno, resta al due per cento
e fra i leader sei l’ultimo, un tormento.

E il Mes? Non c’è! Nemmen la prescrizione.
Hai tolto Bonafede dall’agone
ma la sua legge tu non puoi scalfirla.
Ci viene un dubbio: e se fossi un pirla?

Almeno a casa ti andrà tutto bene…
Nemmen per sogno anche lì sol pene.
Qualche problem per babbo e per mammà
già condannati un paio d’anni fa

a un anno e nove mesi di prigione.
Primo grado, ma pesan sul groppone.
Ora un nuovo processo si presenta,
reato: bancarotta fraudolenta.

Innocenti saran Laura e Tiziano,
ma è nuvoloso il cielo su Rignano.
Poi ci son tuo cognato e i suoi fratelli,
pare che siano proprio dei monelli.

Appropriazione indebita è l’accusa
e riciclaggio di dollari Usa
che, destinati al bene dei bambini,
son finiti sui loro Conticini

per qualche personale attività.
Imputati, il processo chiarirà.
In queste condizioni non ti resta
che l’estero laddove le tue gesta

sono ancora del tutto sconosciute
e le tue visite son benvenute.
La Saudi Arabia di quel Bin Salman
del quale ti dimostri grande fan

inchinandoti al suo Rinascimento
a eliminare i giornalisti intento.
La Nazione alla quale il tuo governo
ha venduto con spirito fraterno

ben ventimila bombe da aeroplano
da lanciar sullo Yemen, cuore in mano.
Dopo l’Arabia è tempo di Dubai,
di Kenya e Senegal…Ma che ci fai?

Nessun lo può saper, la Casellati
ha voluto i tuoi viaggi secretati
e se qualcuno una notizia svela
prontamente gli arriva una querela.

La morale su questa triste storia?
Tutta Italia farà una gran baldoria
quando un giorno andrai fuor dai coglioni.
Gli Stai sereno sono già milioni.

blog MicroMega, 22 marzo 2021

Mai dire mai

Mai dire mai

Il mai è un’assai strana parolina
che detta spesso poi cosa combina?
In tempi brevi vien dimenticata
e a chi la disse viene rinfacciata.

Non è un patrimonio personale
ma viene ripetuta tale e quale
da tutti quanti al centro, a dritta e a manca
e nessun di ripeterla si stanca.

L’ha usata Zingaretti. I suoi obiettivi?
“Mai più con Renzi e con gli italovivi!”
L’ha usata pure contro i sovranisti:
“Mai con Salvini e coi suoi leghisti!”

Adesso arriva Draghi e si è scordato
i mai che aveva forte pronunciato.
L’ha usata Renzi: “Mai con i grillini!”
Se ne scordò e andò coi birichini.

“Con Salvini mai più!” Lo disse Grillo.
“Mai più con l’euro!” disse ancor più arzillo.
Disse di più. “Giammai con i banchieri!”,
poi si è inchinato a Draghi e ai suoi voleri.

Fra i più patetici Gigi Di Maio
che sceso in campo disse al primo abbaio:
“Noi mai con il partito di Bibbiano!”
e dopo qualche anno, caso strano,

a quelli di Bibbiano disse Sì
ed un governo fece col Pd.
Un’altra volta disse quel balordo:
“Mai auto blu! Se mi vedete a bordo

linciare mi dovete sull’istante”.
Poi di auto blu ne ha prese proprio tante
ma purtroppo nessuno lo ha linciato.
E quante volte ha detto a perdifiato:

“Mai l’Ilva, mai la Tav, la Tap giammai!”
e poi si trangugiato ‘sti troiai?
“Mai col caimano!” disse molte volte,
giammai parole furono più stolte.

Or grazie a Draghi e al saggio Mattarella
farà con Berlusconi comunella
per salvare l’Italia da quel Conte
che dicon la portasse all’Acheronte.

Il Cavaliere, l’uomo dei processi,
ha detto dei grillin: “Pulisci cessi,
io mai mi metterò certo con loro
almeno per questioni di decoro”.

Ora con Draghi è tutta un’altra cosa,
la compagnia non è così schifosa.
Infin Salvini, forse il più loquace
ma senza dubbio alcuno il più mendace,

fece del mai un uso straripante:
l’ha usato contro tutti in ogni istante.
“Mai più con Grillo e con i cinque stelle!”
“Giammai con Renzi e con le sue pulzelle!”

“Mai col Pd e il turpe Zingaretti!”
“Giammai con la sinistra e i suoi progetti!”
Ora che arriva Draghi il sovranista
è pronto a tutto pur d’essere in pista.

Starà con Zingaretti e con Speranza,
lingua in bocca farà con Renzi a oltranza,
abbraccerà Di Maio e Beppe Grillo
e chiuderà i suoi mai con un sigillo.

Al Tg1 ha detto il parolaio:
“Non dico: mai con Tizio, mai con Caio
perché io sono una persona seria”.
Ci prendon per il cul, porca miseria!

10 febbraio 2021

Il ruggito del coniglio

Il ruggito del coniglio

È un traditor che al suo confronto Giuda
di correttezza e di lealtà trasuda.
È un mentitore tale che Pinocchio
è al suo confronto un limpido marmocchio.

È un demolition man così feroce
da fare d’Attila un Cristo in croce.
È un superego tale che Narciso
par d’avversione per se stesso intriso

ed è cialtrone ad un livello tale
che più di tre Matteo Salvini vale.
In sol due versi si può dire che
Renzi è il peggior che sulla scena c’è.

Ha sussurrato a Letta: “Stai sereno!”
e poi lo ha pugnalato in un baleno.
Ha rottamato quello che ha toccato:
il partito. la scuola, il sindacato,

la giustizia, il governo del Paese.
Ha millantato una riforma al mese
prendendo per il culo i sognatori
ma solo flop ne son venuti fuori.

Se l’è presa con la Costituzione
facendo del Senato un‘abiezione
ma con il referendum su se stesso
lui e la riforma son finiti al cesso.

Ha promesso una pronta dipartita
se una riforma tal fosse fallita
ma la parola non ha mantenuto
ed è tornato ancor più linguacciuto.

“La dittatura della minoranza
non può condizionar la maggioranza!”
ha sentenziato contro i partitini
facendone poi uno men che mini

che tien la maggioranza sotto scacco
come Bettin che fu Ghino di Tacco.
Coi malati che muoiono a plotoni
ce lo troviam di nuovo fra i coglioni

con un solo pensiero nella testa:
al presidente Conte far la festa.
Ripetendosi: “Adesso lo maciullo!”
qualunque scusa è buona per il bullo:

la prescrizion, la cybersicurezza,
il Mes e la task force che è una schifezza,
il ponte sullo stretto di Messina,
dei servizi segreti la manfrina.

Non basta mai, ci vuol qualcosa ancora!
Per mandare il governo alla malora
ritira due ministre e Scalfarotto
al grido di: “Così Conte ti fotto!”

Come sempre la storia si ripete,
anche il bulletto vuole il suo Papeete.
Il Capitano verde ha fatto scuola:
al posto del mojito Coca Cola,

un bamba e due povere plagiate
al posto delle gnocche leopardate
e al posto di un Matteo con le infradito
l’altro Matteo che miagola un ruggito.

18 gennaio 2021

Top