Calenda, er magnete

Letta si fa bullizzare da Mister 3,6%.

(il Fatto Quotidiano, 2 agosto 2022)

Letta e Calenda: fuga per la sconfitta.

(il Fatto Quotidiano, 3 agosto 2022)

Fratoianni e Bonelli si consegnano e ingoiano: “Porte chiuse a Conte”.

(il Fatto Quotidiano, 6 agosto 2022)

Calenda: “Con questi qui io non ci sto”. Il centrosinistra perde un pezzo.

(la Repubblica. 8 agosto 2022)

Calenda ricambia idea in tivù e lascia Letta in brache di tela.

(il Fatto Quotidiano, 9 agosto 2022)

 

                                                                Calenda, er magnete

 

Confindustria e la Ferrari

furon i primi scenari.

Per il suo politichese

Montezemolo lo prese

 

nel team di Italia futura.

Per la sua grande bravura

fu con Monti, il bocconiano

a quel tempo un Draghi nano,

 

poi finito in fallimento.

Ma chi è mai questo portento?

Chi è quest’uomo da leggenda?

È il Petit Macron Calenda!

 

Un che giunto all’apogeo

nel governo di Matteo

coi tapini del Pd,

meditò poi disse: “Sì,

 

ne divento tesserato

e lo porterò al primato!”

Il partito lo snobbò

e Calenda si incazzò.

 

“Se nessun mi tiene in conto

ad andarmene son pronto”.

Si aspettava una sommossa:

“Finiremo nella fossa!”

 

“Se Calenda se ne va

il Pd che fin farà?”

“Non lasciarci, porca zozza!”

Ma nessun piange o singhiozza,

 

nessun muove un sopracciglio,

qualchedun fa uno sbadiglio

e Calenda restò lì.

Dopo un po’ lo si sentì:

 

“Voglio entrare in Direzione

per far la rivoluzione!”

Ma il partito, che follia,

fece entrare la Madia.

 

“Direzione? È un harakiri!”

sentenziò fuori di giri,

il partito abbandonò

ed Azione si inventò.

 

Arrivato terzo a Roma

del poter sentì l’aroma

aumentando il super ego:

“Sono er mejo, tutti frego!”

 

Il governo Draghi cade

e per non finire all’Ade

Letta ahimè si fa stratega

per ampliare la congrega

 

e fa un patto con Calenda

che di Draghi vuol l’agenda

con più spesa militare,

Nato e Ucraina sull’altare,

 

via le leggi a 5 stelle,

stop ai rossi come ancelle

all’ambiente tanti spregi

ed un mucchio di collegi

 

nel settor maggioritario.

Letta sale il suo Calvario

raggiungendo il paradiso

col bacin di Giuda in viso.

 

Col suo predicar da prete

di Calenda fa un magnete

per il voto alle elezioni.

“Ne conquisterà milioni

 

che da destra arriveranno!”

Da sinistra scapperanno?

Pronto Letta fa la finta

che anche rossa sia la tinta

 

ingaggiando Fratoianni.

“Caro Enrico, tu mi inganni

con la tua trovata orrenda!”

in tivù dice Calenda

 

che saluta e se ne va.

Forse Letta capirà

ch’è il Petit Macron che ciancia

solo un Renzi con più pancia

 

quando un giorno la Meloni

con Salvini e Berlusconi

brinderanno nel Palazzo

fra un A noi!, un frizzo e un lazzo.

 

 

 

 

Pd, poltrone e divani

Pd, poltrone e divani

Da tempo era nell’aria ed è successo,
Nicola Zingaretti si è dimesso.
“Con Mattarella in stil Napolitano,
con Mario Draghi in veste di marziano,

con un governo detto dei migliori
che par che sol per i padron lavori,
con il covid ormai alla terza ondata,
con la crisi ogni giorno più sfrenata,

col Recovery plan ai consulenti,
con i leghisti sempre più potenti,
il partito del qual son segretario
da venti giorni almen di calendario

parla solo e soltanto di poltrone,
di congresso, primarie e ribaltone
con uno stillicidio mai finito.
Saluti! Mi vergogno del partito!”

Ma dove vivi, caro Zingaretti?
E dal Pd che cosa mai ti aspetti?
Da tredici anni nato già morente
per rinforzarsi non ha fatto niente.

Ha cambiato ben otto segretari,
le elezioni son state dei calvari
vinte una sola volta a gran fatica.
Con Matteo Renzi, Dio lo benedica,

partito dei padroni è diventato
con tanto di incredibile attentato
al sacro testo costituzionale.
Col referendum giunto al funerale,

non si è ancor liberato dal ducetto
dei suoi ricatti eternamente oggetto.
Non ha un programma, è senza una visione,
vaga qua e là cambiando direzione

con il mutare del soffiar dei venti
e con gli spifferi delle correnti
sua malattia dai giorni del debutto.
Di Base riformista il tosco putto

ha il controllo total senza problem.
Franceschini è il padrone di Area dem.
C’è la corrente dei zingarettiani.
C’è Fianco a fianco con la Serracchiani.

C’è la sinistra con il prode Orlando,
con Provenzano e la Rossomando.
Con Cuperlo i sinistri radicali.
Poi i sindaci e i capi regionali

con Gori, con Nardella e Bonaccini
ed i Giovani turchi con Orfini.
Negli otto clan metà sono renziani
e per una sinistra esseri strani

che si fanno ogni giorno più arroganti.
Ma c’è di peggio: i culi sono tanti
e le poltrone sono sempre meno.
La moral? Zingaretti, stai sereno!

blog MicroMega, 10 marzo 2021

Pace all’anima sua

Nel Pantheon di Italia viva alle pareti esce Gramsci ed entra l’ex premier.
(la Repubblica, 12 febbraio 2020)

Pace all’anima sua

Disse Zinga di recente:
“Il Pd sarà accogliente,
porte aperte a pluralismo,
giovani ed ambientalismo,

alla società civile
ed al mondo femminile.
Parleremo con sardine,
polpi, vongole ed ombrine.

Noi sarem sul territorio,
per la gente ambulatorio,
promotor di coesistenza,
oasi di buona accoglienza”.

Zinga è stato di parola?
No, purtroppo è un’altra sola.
C’era in via dei Giubbonari
e poi in via dei Cappellari

una sede del Pd,
fin dai tempi del Pci
ricca di gloriose storie
e antichissime memorie.

Lungo i muri i bei ritratti
della Iotti e di Togliatti,
di Luigi Petroselli,
Gramsci, il meglio dei cervelli

del Partito comunista,
senza dubbi l’apripista
nel difendere il decoro,
i diritti ed il lavoro

nel lottar contro il poter.
Solo Moro e Berlinguer
son rimasti alle pareti,
gli altri ormai sono obsoleti

e pertanto fatti fuori.
Del Pd i sostenitori
son ridotti al lumicino,
non c’è il becco di un quattrino

per pagare la pigione.
Addio alla rivoluzione
di un Pd che più accogliente
vuole conquistar più gente!

Che presidia il territorio!
Lo smammare è obbligatorio.
Chi subentra? Italia viva!
Ecco il golden boy che arriva.

Oltre al suo ritratto enorme
lungo i muri Miss Riforme,
le Leopolde in manifesto
e un renziano slogan, questo,

sul ritratto del figuro:
Il ritorno al futuro”.
C’era in via dei Cappellari
un ploton di carbonari,

tutti iscritti del Pd…
Quattro quinti o giù di lì
son passati con Matteo
con un grande Marameo!

a Nicola, il segretario
di un partito funerario
giunto all’ultimo ritrovo.
Altroché partito nuovo!

blog MicroMega, 5 marzo 2020

Top